RICORRENZE... NATI IL 27 MARZO

Carl Barks (inventore di Paperino), Mariah Carey, Cesare Cremonini, Alessandro La Marmora, SanFrancesco di Paola, Quentin Tarantino, Luca Zaia
MORTI: Yuri Gagarin, Maurizio Gucci, Ettore Majorana, Giambattista Tiepolo, Billy Wilder

 

 

 

INDISCREZIONI, NOMINE, CANDIDATURE / MAI CILECCA CON WANDA

Quanto conta il sesso da 1 a 10? “10! Ma mai nessuno ha fatto cilecca con me, anche se ho avuto solo 3-4 partner a letto... La prima volta? A 18 anni. Ho messo le corna, ma non a Icardi, e neanche lui a me, gli ho controllato il cellulare di nascosto e non ho trovato nulla!” [Wanda Nara a Le Iene].

 

 

OGGI VI DICO... LA PASSIONE

“Uno può avere un focolare ardente nell’anima e tuttavia nessuno viene mai a sedervisi accanto. I passanti vedono solo un filo di fumo che si alza dal camino e continuano per la loro strada.” (Vincent van Gogh)

“La passione non è cieca, è visionaria.” (Stendhal)

“Non si può trovare passione nel vivere in modo mediocre. Non accontentatevi di una vita che è meno di quello che siete capaci di vivere.” (Nelson Mandela)

“In ogni attività la passione toglie gran parte della difficoltà.” (Erasmo da Rotterdam)

“Una passione che dura tutta la vita è un privilegio, indipendentemente dal prezzo che ci chiede.” (Agatha Christie)

SORRISI, SMORFIE, LACRIME... PICASSO

“Impara le regole come un professionista, in modo da poterle rompere come un artista” (Pablo Picasso).

 

 

 

ATTUALIZZANDO... LE DONNE INARRESTABILI

Un libro sulle donne che si infischiavano di far parlare male di sé e dei loro mariti. Tra altre cose, si evince che, se una donna ha un forte desiderio di fare l’amore col suo amato, non c’é forza al mondo che riesca ad impedirglielo.
È questa la tesi di questo bel libro, che ho scovato frugando nella mia biblioteca: “Le vite delle dame galanti”, autore il Signore di Brantôme (editore Longanesi). Risale a qualche secolo fa e racconta le prodezze (è il sottotitolo) “di donne che s’infischiarono di far parlare male di sé e dei propri mariti”.

ORESTILLA E CALIGOLA

Ecco, per dare l’idea, qualche estratto... “L’imperatore Caligola, crudelissimo tiranno, si formò il convincimento che sua moglie Orestilla qualche volta gli si era rifiutata per concedersi al suo primo marito C. Pisone (al quale egli l’aveva tolta di forza). Pisone essendo ancora vivo, quando Caligola era assente per qualche viaggio, Orestilla faceva qualche graziosa concessione del suo gentil corpo all’ex marito. Il tiranno non usò, contro di lei, la sua consueta crudeltà, ma soltanto la mandò in esilio in terra lontana... Punì nello stesso modo anche Tullia Paolina, che egli aveva tolta a suo marito C. Merunnio: la cacciò via soltanto, però con l’assoluta proibizione di far la dolce cosa con chicchessia, neppure col marito”.

DOMIZIA LONGINA E DOMIZIANO

E ancora: “Domiziano fece anche meglio: ripudiò sua moglie Domizia Longina perché si era innamorata di un commediante e giocoliere, chiamato Paride, così pazzamente che, per intere giornate, non faceva altro che stare con lui a commettere dissolutezze d’ogni specie, senza tenere mai compagnia al marito. Ma poi si pentì di averla ripudiata e la riprese con sé. Fece ciò anche perché Domiziano sapeva che quel giocoliere le aveva insegnato certi giochi di flessibilità e di maneggio, coi quali pensava si sarebbe trovato bene pure lui”.

 

IMPOSSIBILE FERMARLE!

Conclusione? Quando la donna vuole e desidera, non c’è bisogno che l’innamorato si affanni a cercare le occasioni: ci pensa lei, e in un’ora ne inventa più di quante sapremmo trovarne noialtri in cent’anni. E non c’è potente (re, dittatore...) che riesca ad opporsi.

 

 

 

cesare@lamescolanza.com


RICORRENZE... NATI IL 26 MARZO

Roberto Bolle, Tinto Brass, James Caan, Robert Frost, Abu Mazen, Larry Page, Marco Predolin, Diana Ross, Palmiro Togliatti, Tennessee Williams
MORTI: Roland Barthes, Ludwig Van Beethoven, Raymond Chandler, Fabrizio Frizzi, Spiridon Louis, Erminio Macario, Walt Whitman

 

INDISCREZIONI, NOMINE, CANDIDATURE / CORONAVIRUS, UN ROMANZO?

Trasformerà l’esperienza coronavirus in un nuovo romanzo? «È rischioso, per scrivere bisogna recuperare la distanza, andare oltre la cronaca. Potrei raccontare di una coppia che si sta per lasciare e rimane intrappolata dentro una casa, costretta a odiarsi senza la possibilità di uscire. Ma sarebbe troppo facile» (ride) [Niccolò Ammaniti a Raffaella De Santis, La Repubblica] .

OGGI VI DICO... L’OTTIMISMO

“L'ottimista vede opportunità in ogni pericolo, il pessimista vede pericolo in ogni opportunità.”
(Sir Wiston Churchill)

“È meglio essere ottimisti ed avere torto piuttosto che pessimisti ed avere ragione.” (Albert Einstein)

“Occorre invece violentemente attirare l'attenzione nel presente così com'è, se si vuole trasformarlo. Pessimismo dell'intelligenza, ottimismo della volontà.” (Antonio Gramsci)

“La nostra paura del peggio è più forte del nostro desiderio del meglio.” (Elio Vittorini)

"Tutto andrà bene alla fine. Se non va bene, allora non è la fine." (John Lennon)

SORRISI, SMORFIE, LACRIME... LO SCRITTORE

«La carriera dello scrittore italiano ha tre tempi: brillante promessa, solito stronzo, venerato maestro» (Alberto Arbasino, Voghera 1930-Voghera 2020).

 

 

 

ATTUALIZZANDO... PER UN GIORNO HO PERSO LA FIDUCIA

Oggi chiedo scusa ai lettori perché ieri per un cedimento ho perso la fiducia. Penso che, in particolare in questi giorni drammatici per il Coronavirus, dovremmo avvertire l’obbligo di chiedere scusa, se è opportuno e necessario.
E chi dovrebbe scusarsi? L’elenco è lungo.

 

 

 

I TAGLI ALLA SANITÁ, IL PREMIER...

Penso ai vari governanti, che negli ultimi lustri hanno tagliato i fondi per la sanità. O al premier Giuseppe Conte, che puntualmente ci fa ramanzine televisive, però non riesce a dare notizie chiare e certe. Ma non voglio infliggervi l’ennesimo sfogo del cittadino che si sente tradito, e anche ingannato, da chi dovrebbe governarci “come il buon padre di famiglia”.

 

 

IL MIO PICCOLO BUON ESEMPIO

Quanto alle scuse, desidero dare il mio piccolo, piccolissimo buon esempio, davanti ai miei lettori. Ieri ho avuto, d’improvviso, un cedimento psicologico: non sapevo cosa fare di utile, costruttivo, positivo. Segregato in casa come tutti, con pessimismo dilagante, ottimismo zero. Era una stupenda giornata di sole e pensavo con disagio al desiderio, impossibile da realizzare, di andarmene al mare con la mia famiglia. E mi sentivo come un traditore, o un disertore, che in guerra non abbia la forza per andare al fronte.

LA VITA AGRA DI BIANCIARDI

Eccovi un particolare penoso: in casa ho migliaia di libri, eppure non riuscivo a trovarne uno che mi interessasse. Tra le mani mi è capitato “La vita agra” di Luciano Bianciardi (1922-1972): un racconto esemplare, ne fu tratto anche un film di successo. Per anni l’ho raccomandato a moltitudini di amici, ai giovani dei giornali che dirigevo. Di più: Bianciardi, in giornalismo, è stato tra i primissimi, se non il primo, a occuparsi di recensioni televisive. E tuttavia non ho avuto il coraggio di prendere in mano quel libro amaro sul cosiddetto miracolo economico (pubblicato nel 1962) e l’ho riposto nello scaffale. Per me, ieri, è stata una giornata di spossatezza, frustrazione, incapacità di pensare e di agire. Tante volte ho dichiarato di sentirmi un pessimista globale, determinato però a vivere giorno per giorno con ottimismo, in modo positivo. Ieri non ce l’ho fatta.
E di questo chiedo scusa ai lettori.

cesare@lamescolanza.com


RICORRENZE... NATI IL 25 MARZO

Tina Anselmi, Camilla D’Angeli, Antonio Fogazzaro, Aretha Franklin, Elton John, Mina, Gioacchino Murat, Santa Caterina da Siena, Arturo Toscanini
MORTI: Claude Debussy, Giovan Battista Marino, Frederic Mistral, Novalis, Paolo Poli, Antonio Tabucchi

 

 

INDISCREZIONI, NOMINE, CANDIDATURE / IL DALAI LAMA

«Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute» [Dalai Lama].

 

 

OGGI VI DICO... IL LINGUAGGIO

“Il linguaggio è stato lavorato dagli uomini per intendersi tra loro, non per ingannarsi a vicenda.” (Alessandro Manzoni)

“Il sale dei racconti è la proprietà di linguaggio.”  (Miguel De Cevantes)

“Senza linguaggio non esiste conoscenza. ” (Giancarlo Carofiglio)

“Non esiste né modo di agire né forma di emozione che l'uomo non condivida con gli animali inferiori. É solo tramite il linguaggio che ci si innalza su di loro e l'uno sopra l'altro - tramite il linguaggio che è il padre, e non il figlio, del pensiero.” (Oscar Wilde)

“La verità ha un linguaggio semplice e non bisogna complicarlo.” (Euripide)

SORRISI, SMORFIE, LACRIME... IL METEO

Scusate, perché continuare a fare le previsioni del tempo? In casa, mica piove. (Da Twitter).

 

 

 

ATTUALIZZANDO... LE CENTO PAROLE DEL VIRUS

Via via, nelle ultime settimane, il nostro linguaggio - per ciò che diciamo e ciò che ascoltiamo - è totalmente cambiato. Spero di non annoiarvi: ho provato a compilare un elenco delle parole che ci bombardano di continuo. Eccolo... Virus. Coronavirus. Covid-19. Infezione. Emergenza. Quarantena. Focolaio. Indizi. Tosse. Febbre. Goccioline. Tampone. Positivo. Negativo. Terapia intensiva. Vie respiratorie. Mascherine: introvabili, utili, inutili.

 

DA PANDEMIA A CATASTROFE...

I medici. Gli infermieri. L’infettivologo. Il virologo.
Gli esperti. Epidemia. Pandemia. Provvedimenti stringenti. Sanità. Prevenzione. Ricerca. Vaccino. Necessità, esigenze non essenziali. Ospedale da campo. La litania quotidiana dei numeri: i contagiati, i decessi, i guariti... I farmaci. Carica virale. Bocca, occhi, naso. Distanza di un metro, di due metri. Scarpe, asfalto, acciaio, altre superfici. Il picco.
La catastrofe. Calamitá. Collasso. La peste. Le pestilenze nella storia. La bassa letalità. I precedenti.

 

L’EIROPA, LA GUERRA, IL PAPA...

L’Europa cinica. L’Europa indifferente. Preoccupazione. Responsabilità. Reagire. Resistere. Insieme. Ce la faremo. Uniti ce la faremo. Restate a casa. Io resto a casa. Misure restrittive. Decreto governo. Decreto legge. Discorso alla nazione. Guerra. Divieti. Chiusura. Chiusura di scuole e università. Chiusura di alberghi, ristoranti e di tutte le attività commerciali. Severitá. Drasticitá. Inadeguatezza. Proroga. Segregazione. Clausura. Isolamento. Autoisolamento. Assembramento. No funerali. No messa. Chiese chiuse. Chiese riaperte. Il Papa per strada. Angelus in diretta streaming. Autocertificazione. Disposizioni. Limiti. Passeggiare. Solo con il cane. Fare la spesa. Smart working. Cura Italia. Bonus. Erogazione. Ammortizzatori sociali.

SPERANZA È SCIACALLAGGIO

Speranza. Flashmob. Fiducia. Andrà tutto bene. Disciplina. Indisciplina. Incoscienza. Sotto gamba. Sciacallaggio. La patria. Noi siamo italiani. E infine la geografia: Cina al primo posto, poi tutti o quasi i Paesi del mondo...

 

 

 

cesare@lamescolanza.com


Vai ad editoriali meno recenti…