Home

 

RICORRENZE. NATI IL 14 GIUGNO

Alois Alzheimer, Paolo Bonolis, Giovanna Botteri, Vittorio Brumotti, Francesco Guccini, Ernesto Che Guevara, Gianna Nannini, Francesco Rutelli, Donald Trump.
MORTI: Attilio Bertolucci, Jorge Luis Borges, Gesualdo Bufalino, Gilbert Keith Chesterton, Jerome K. Jerome, Giacomo Leopardi, Salvatore Quasimodo, Max Weber.

ELOGIO DI ITALO CUCCI

Un giornale francese ci accusa di razzismo perché Roberto Mancini non ha convocato calciatori neri. E sarete d’accordo nell’apprezzare un grande giornalista sportivo che si chiama Italo Cucci. Li ho conosciuti tutti, quelli di una volta, le grandi firme dello sport: Gianni Brera e i suoi “nemici” Gino Palumbo e Antonio Ghirelli, Gualtiero Zanetti, Giovanni Arpino, Alberto Marchesi, Ezio De Cesari… Ma Italo Cucci, purtroppo per me, no. Però l’ho sempre ammirato, per l’umanità e la passione romantica della sua scrittura. È nato a Sassocorvaro tra Pesaro e Urbino, ha tre anni più di me, ha diretto il Guerin Sportivo, Stadio, il Corriere dello sport ed è stato inviato della Gazzetta dello sport. Un grandissimo, insomma: ha seguito dieci campionati del mondo di calcio e sei Olimpiadi. Ma le nostre vite, ahimè, non si sono mai incrociate.

DUE MAGNIFICI INTERVENTI

L’occasione di scriverne qui si è imposta ieri, quando ho letto sul ‘Corriere dello Sport’ (dove scrive, ingaggiato dall’estroso direttore Ivan Zazzaroni) due suoi magnifici pezzi, legati all’attualità. Il primo, per rievocare l’unico campionato europeo che la nostra Nazionale di calcio è riuscita a vincere: nel 1968, allenatore Ferruccio Valcareggi con campioni come Zoff, Burgnich e Facchetti, Rivera e Mazzola, Bulgarelli, Gigi Riva… Una squadra di qualità straordinaria, dipinta, più che raccontata, da Cucci con una serie di nostalgici acquerelli. Il secondo articolo, cari lettori, vi sarebbe piaciuto anche di più.

L’ASSURDA ACCUSA DI RAZZISMO SU UN GIORNALE FRANCESE

Perché tutti certamente siete indignati, come me e lui… Lui, Italo, colto e ironico, ha risposto per le rime a un giornale francese, che ha osato definirci razzisti solo perché Roberto Mancini, per la nostra Nazionale, non ha convocato neanche un giocatore di colore. Ma si può essere tanto faziosi o dementi? Chi avrebbe dovuto convocare, Mancini, forse l’impunito e inaffidabile Balotelli?
Ho saputo che oggi Cucci vive a Pantelleria, non sarà facile incontrarlo: perciò gli mando un abbraccio e un sorriso da questa pagina.

OGGI VI DICO… LE ACCUSE INGIUSTE

“Quando una persona fa un’accusa, assicurati che non sia lui stesso il colpevole. A volte sono quelli la cui posizione è debole che fanno più clamore.” (Piers Anthony)

“Persino su un banco d’accusato è sempre interessante sentir parlare di sé”. (Albert Camus)

“Ci si conserva onesti il tempo necessario che basta per poter accusare gli avversari e prendergli il posto”. (Leo Longanesi)

“La miglior difesa  contro i falsi accusatori è il silenzio”. (John Milton)

“Non è facile montare un’accusa contro un innocente”. (Publilio Sirio)






cesare@lamescolanza.com


Vai ad editoriali meno recenti…