RICORRENZE... NATI IL 6 DICEMBRE

Federico Balzaretti, Baldassarre Castiglione, Antonella Clerici, Alberto Contador, Irene Grandi.
MORTI: Alexander Dumas padre, San Nicola di Bari.

 

 

 

 

 

UNA INDISCREZIONE AL GIORNO... SCELTO DALLE STAR

Federico Lauri, conosciuto come Federico Fashion Style, è l’hairstylist più gettonato tra le celebrità, richiestissimo tra le star: noto grazie alle sue idee bizzarre e originali per tagliare e tingere i capelli.

 

 

 

UN SORRISO... LA TESTA, UN SUPPORTO?

“È impressionante a quanta gente la propria testa serva unicamente quale supporto per i capelli e per i cappelli" (Harold Pinter)

 

 

 

 

 

OGGI VI DICO... I CAPELLI

“L’uomo nasce senza denti, senza capelli e senza illusioni, e muore lo stesso, senza capelli, senza denti e senza illusioni.”
(Alexandre Dumas padre)

“Anche un solo capello fa la sua ombra.”
(Pubilio Sirio, drammaturgo romano)

“Malpelo si chiamava così perché aveva i capelli rossi; ed aveva i capelli rossi perché era un ragazzo malizioso e cattivo.”
(Giovanni Verga)

“Un tempo era grande il rispetto per una testa ricoperta di capelli bianchi.”
(Ovidio)

“L’unica cosa che arresta la caduta dei capelli è il pavimento.”
(Maurizio Costanzo)

ATTUALIZZANDO... NON SOLO SANSONE

Per i capelli, importanti per la seduzione, ci sono grandi differenze tra quelli biondi e neri. Sui capelli ci sono molte cose interessanti da sapere. Ho scritto qualche giorno fa di Sansone e Dalida, proponendo la mia curiosità sull’amore infedele di Dalida. Curiosamente, invece, nelle mie riunioni di lavoro, si è accesa, con intensità, una discussione sui capelli (partendo da quelli, lunghissimi, di Sansone), i colori, le acconciature...

 

 

 

RAPERONZOLO E LA TRECCIA

Vi racconto (quasi) tutto. Una stagista mi ha ricordato che, nella fiaba di Raperonzolo, i capelli sono lo strumento per esercitare il potere della seduzione: infatti l’amato riesce a raggiungere l’amata grazie alla sua lunga treccia. Solitamente, nelle fiabe, principi e principesse hanno i capelli biondi, mentre le streghe e i “cattivi” in genere hanno i capelli neri.

 

 

MARYLIN MONROE

I ragazzi coi rasta vengono considerati spacciatori e poco di buono, le ragazze coi capelli corti sono automaticamente considerate lesbiche, le bionde sono stupidine e così via. Ma oltre a questi stereotipi i capelli e l’acconciatura nascondono significati simbolici, storici e religiosi ben più profondi. E non ci crederete, ma a questo punto sono fioccate le citazioni... “Sappi prima di tutto chi sei e poi ornati “conseguenza” (Epitteto, filosofo greco). “Una donna che si taglia i capelli è una donna che sta per cambiare vita.” (Gabrielle Coco Chanel). “Amami per i miei soli capelli biondi.” (Marilyn Monroe)

NERI E MISTERIOSI

I capelli biondi sono legati al sole, all’energia e all’allegria, ma anche al desiderio di seduzione, sono meno diffusi dei castani e comunicano la voglia di farsi notare. Non è solo un colore che esprime sensualità: i capelli biondi evocano una donna dai tratti angelici e eterei. I capelli neri sono invece
legati al mistero, alla magia e sottintendono una personalità misteriosa e intrigante.

 

 

 

 

cesare@lamescolanza.com


RICORRENZE... NATI IL 5 DICEMBRE

Stefano Bollani, Josè Carreras, Maurizio Crozza, George Custer, Maria De Filippi, Armando Diaz, Walt Disney, Fritz Lang, Little Richard, Papa Giulio II, Umberto Vattani.
MORTI: Pietro Germi, Nelson Mandela, Claude Monet, Volfgang Amadeus Mozart.

 

UNA INDISCREZIONE AL GIORNO... ELKANN

“Io, a differenza di mio nonno, non ho fatto la guerra, perché la guerra non c’era. E non ho fatto la Dolce Vita, perché la Dolce Vita non c’è più” (John Elkann).

 

 

 

 

OGGI VI DICO... LE INCOMPRENSIONI

"Di quante complesse incomprensioni è fatta la comprensione che gli altri hanno di noi."
(Fernando Pessoa)

"Se Dio ha creato il mondo, non possiamo dire che si sia preoccupato molto di facilitarne la comprensione."
(Albert Einstein)

"Sono un uomo semplice, io. Dev’essere per questo che sono un incompreso."
(Albert Camus)

"Gli incompresi si dividono in due categorie: le donne e gli scrittori."
(Honoré de Balzac)

"Il giusto fondamento del matrimonio è l’incomprensione reciproca."
(Oscar Wilde)

ATTUALIZZANDO... IL DIAVOLO WARHOL ERA MOLTO RELIGIOSO

Scommetterei: pochi conoscono la vita straordinaria di Andy Warhol, nonostante il dilagante (e forse superficiale) entusiasmo per le sue opere. Non a caso ha destato scalpore che una sua mostra sia stata organizzata in una antica chiesa di Napoli, la basilica della Pietrasanta. Warhol, nonostante il carattere (ribelle, controcorrente, indipendente, provocatore) era profondamente religioso.
La conferma avvenne pubblicamente, forse per la prima volta, in occasione della sua morte, il 22 febbraio 1987, a New York.

SESSO, ORGE E TRASGRESSIONI

In vita Andy Warhol si era affermato come un simbolo di fantasia demoniaca - è stato scritto! - per sesso, orge, droga e qualsiasi trasgressione - ben lontano dal mondo cattolico. Addirittura il Vaticano nel 2018 aveva annunciato una sua mostra a piazza San Pietro, ma fu costretto a cancellarla, di fronte alle proteste indignate, non solo della Chiesa. Nel 1964 il presidente della Repubblica con una scusa aveva rinunciato a presenziare alla Biennale di Venezia, dove Andy e la neonata pop art furono sommersi da contestazioni trasversali.

 

CRIVELLATO DA PALLOTTOLE

Un’attrice gli scaricò addosso una calibro 32, colpendolo al fegato, stomaco, esofago, milza e ai due polmoni. Warhol fu dato per morto e invece dopo due mesi uscì dall’ospedale e subito si precipitò a festeggiare con un giorno intero dedicato alla pornografia. Ora la mostra di Napoli (con duecento opere) spazza via, forse definitivamente, molti pregiudizi. Sará visibile fino al 23 febbraio e di certo ci andrò. Mi commuove - avendo avuto anch’io una infanzia pressoché misera- che Warhol (era nato a Pittsburgh, in Pennsylvania, il 6 agosto 1928) ha reso celebre la Campbell’Soup, la minestra che da piccino, poverissimo, era stato il suo unico pasto.

MERCITALIA, FIN DAL 2018...

Lunedì sono stato tradito da una fonte che si è rivelata inattendibile e ho scritto che era in procinto di partire un servizio di trasporto rapido di merci da Caserta a Milano. In realtà il servizio Mercitalia Fast, dal Terminal Mercitalia Maddaloni-Marcianise (Caserta) all’Interporto di Bologna, è partito il 7 novembre 2018. Con l’attrezzatissimo treno ETR 500 per il trasporto di roll container con prodotti dell’e-commerce. Al momento non risulta nessun servizio Napoli – Milano, anche se il Polo Mercitalia monitora costantemente il mercato per eventuali sviluppi futuri. Mi scuso per le inesattezze con Mercitalia e con i lettori.

cesare@lamescolanza.com


RICORRENZE... NATI IL 4 DICEMBRE

Gae Aulenti, Jeff Bridges, Sergej Bubka, Thomas Carlyle, Francisco Franco, Rainer Maria Rilke.
MORTI: Hannah Arendt, Luigi Galvani, Thomas Hobbes, Alberto Manzi, Armando-Jean Richelieu, Franek Zappa.

 

 

UNA INDISCREZIONE AL GIORNO... I BOSCHI O LA BOSCHI?

Secondo Dagospia, il fidanzato che Maria Elena Boschi avrebbe tenuto nascosto a lungo è Nicola Cesari, sindaco di Sorbolo e Mezzani, in provincia di Parma, eletto con il Pd e passato a Italia Viva. Smentita di Cesari via Facebook: «Gli unici boschi che ho sempre e solo desiderato nella mia vita sono quelli dove vado per funghi».

 

UN SORRISO... SANDRA E RAIMONDO

«Una sera in cui eravamo ospiti di Renzo Puntoni, Sandra Mondaini si ubriacò. Poi voleva suicidarsi. Venne il medico, le fece una puntura, e lei si addormentò.
Uscendo, svegliammo il portiere del grattacielo, la casa era all’ultimo piano. Raimondo gli disse: “Se dovesse cadere qualcosa dall’alto è roba nostra, non si preoccupi”»

 

 

 

OGGI VI DICO... I SEGRETI D’AMORE

"Tre cose non possono essere nascoste a lungo: il sole, la luna e la verità."
(Buddha)

"Gli esseri umani si dividono tre categorie: quelli che preferiscono non avere niente da nascondere piuttosto che essere obbligati a mentire, quelli che preferiscono mentire che non aver niente da nascondere e quelli che amano sia mentire sia nascondere."
(Albert Camus)

"La definizione della donna? Una sfinge senza segreti."
(Oscar Wilde)

"Nessun mortale è in grado di mantenere un segreto. Se le sue labbra sono sigillate, parlerà con le mani, la verità trasuderà da ogni suo poro."
(Sigmund Freud)

"Io ero sempre molto timido in fatto di ragazze. Ricordo che da piccolo presi di nascosto un libro pornografico stampato in braille e stropicciavo le parti sconce."
(Woody Allen)

ATTUALIZZANDO... ALBA E GIANNI

Mistero: Alba Parietti ha avuto o no un bel flirt con Gianni Agnelli? Diciamo che degli Agnelli non ci si stanca mai di parlare. Una volta, ai suoi tempi, il piacere e il gossip erano diffusi, con pretesti salottieri. Era cronaca. L’Avvocato faceva il bagno nudo a Montecarlo? Se ne parlava per settimane e il suo potente ufficio stampa si dava da fare per ritirare le foto, imbarazzanti. Si parlava di sue nuove conquiste? Nessuna conferma, nessuna smentita (così fa un gentiluomo!).

CURIOSITÀ E MOLTI LIBRI

Sto rispondendo alle telefonate, sms, e-mail che ho ricevuto, dopo il ritratto che ho pubblicato qui, domenica: molti vogliono saperne di più. Ma amici miei! Su Agnelli sono stati scritti molti libri, vi consiglio quelli del mio ex allievo
Gigi Moncalvo, un grande giornalista mai timido di fronte ai potenti. Anch’io potrei scrivere un libro, ma oggi sarebbe superfluo. Per non deludere gli amici e lettori, aggiungo due cosette.

 

DAGOSPIA E LA PARIETTI

Alba Parietti è citata da Dagospia, che ha anche ripreso la mia paginata (grazie). Alba ha raccontato a “Un giorno da pecora” che Agnelli la chiamava, ci provava... «La prendeva larghissima. Mi chiamava, parlava amichevolmente, dando sempre del lei e facendomi complimenti. E alla fine mi chiedeva se ero stata con Gianluca Vialli, che lui chiamava “il pelato”». La leggenda vuole che Vialli fosse scappato dal ritiro della nazionale, ai Mondiali del 1990, per incontrarla. «È una cosa che fa parte della mitologia, ma non lo dirò mai. Ci sono giorni in cui dico di sì e altri in cui dico il contrario...» (perbacco Alba, che sorpresa, una gentildonna non conferma né smentisce!).

FACEVA CONVOCARE LE DONNE CHE GLI PIACEVANO

Secondo leggenda, Agnelli ordinava ai suoi cortigiani di convocargli a cena le più belle del reame (Alba, no?). Il mistero dunque resta e non insisteremo. Ma se i lettori hanno altre curiosità, proverò ad accontentarli.

 

 

 

cesare@lamescolanza.com


Vai ad editoriali meno recenti…